Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

I carabinieri forestali ancora una volta impegnati nel rilevare lo stato di salute delle foreste reatine

Gli agenti all'opera

La tutela e difesa dell’ambiente passa anche per lo studio dei nostri boschi

29/09/2021 11:12 

 

Vigili del fuoco, ritrovato il 78enne disperso a Turania

L'uomo ritrovato questa mattina

L’uomo questa mattina stava percorrendo un sentiero

29/09/2021 11:07 

 

Partite questa mattina le prime terze dosi agli over 80 anni del Lazio ospiti nelle RSA

La signora Valentina

Entro qualche giorno avvio somministrazione anche ad operatori sanitari e estensione a tutti gli over 80

28/09/2021 12:33 

 
 

 
   

 

 

La scuola riparte per tutti e sarà una scuola bellissima

 


 
 
virgolette

Nelle zone del terremoto la scuola riparte senza ritardi: un successo per tutti

     

dalla Redazione
domenica 11 settembre 2016 - 19:03


Ad Amatrice il 13 settembre suonerà la campanella, come nel resto del Lazio. I ragazzi prenderanno posto non in una tenda ma nella nuova scuola, tirata su a tempo di record dalla Protezione Civile di Trento. «Hanno posizionato i moduli, sono in grado di finirla, forse mancheranno le rifiniture», spiega con piglio deciso Maria Rita Pitoni, neodirigente di Amatrice.

«Tempo permettendo», precisa Giovanna Boda, dirigente generale della direzione studente del Miur, che dal 1° settembre si è trasferita nelle zone colpite dal terremoto: «facciamo un passo alla volta, l'ultima cosa di cui c'è bisogno qui sono le false speranze». Di fatto però «il 13 settembre in Lazio e il 15 nelle Marche la scuola ricomincia, non ci sono proroghe. Si comincia dove si può, ma ovunque e comunque. Mentre terminano di montare i moduli, in alcuni casi le lezioni verranno fatte nelle tensostrutture, tante scuole si sono offerte di accogliere provvisoriamente gli studenti, anche solo per una settimana, ad esempio l'alberghiero di Amatrice potrebbe essere ospite dell'Istituto industriale di Rieti. Stiamo valutando, insieme ai dirigenti e alle famiglie», spiega la dirigente Boda.

E per andare a scuola, «ogni alunno dall'infanzia alle medie avrà un kit donato dal Miur con libri, quaderni, tutto ciò che serve», aggiunge Patrizia Palanca, la dirigente di Arquata del Tronto. La scuola nelle zone colpite dal terremoto partirà dunque nei tempi previsti, è certo. Il terremoto non toglierà ai bambini e ai ragazzi anche questo diritto e questo pezzo di vita.

Pochissimi giorni dopo il terremoto del 24 agosto, il ministro Stefania Giannini aveva indicato come priorità assoluta la ripresa senza ritardi delle lezioni, perché «la prima campanella è un segnale importante di ritorno alla normalità»: ora tutti la aspettano di nuovo qui, per inaugurare l'anno scolastico. In quei giorni il ministro parlò di 750 studenti residenti nei territori colpiti dal sisma e di 30 istituti scolastici 'toccati' dalle scosse. I sopralluoghi sono ancora in corso, ma bastano i numeri impressi nella memoria delle due dirigenti di Amatrice e Arquata per comporre quasi per intero il quadro.

«Ad Amatrice, dalla scuola dell'infanzia al liceo sono 269 iscritti, più 31 ad Accumuli, su infanzia e primaria e 22 a Cittareale: sono in tutto 322 alunni, non so quanti effettivamente sono rimasti in zona e frequenteranno la scuola qui, abbiamo dato tempo fino all'8 settembre alle famiglie per comunicarci la loro decisione», spiega la preside Maria Rita Pitoni. Garante per l'Infanzia del Comune di Rieti, infermiera della Croce Rossa, preside di una scuola a Rieti città, l'Istituto Luigi di Savoia, che ha persino un'azienda agraria e un punto vendita: l'hanno chiamata qui a terremoto avvenuto, affidandole in reggenza l'istituto comprensivo di Amatrice, in aggiunta al suo. Da allora è qui e ci resterà finché tutto non sarà ben avviato: «sono reatina, non potevo tirarmi indietro. Non potevo non dare il mio contributo», dice con sobrietà.

«Quello che voglio sottolineare e che sto ripetendo ai genitori è che sarà una scuola più bella di prima, nel senso della qualità e dell'eccellenza della proposta didattica e formativa. Insieme al terremoto sono arrivate tante alte professionalità, a cominciare dalla task force del Miur, che sta lavorando gomito a gomito con noi per coordinare tutte le energie e le risorse: sono nella scuola da tanti anni, e' la prima volta che vedo il ministero concretizzarsi. Ci sarà la scuola e con essa offriremo a bambini e ragazzi progetti didattici e pedagogici e formativi estremamente qualificati, proprio perché ci sono tante forze in campo, tutte coordinate».

Intanto anche l'Istituto Comprensivo di Amatrice ha pubblicato gli orari delle lezioni dal 13 al 16 settembre 2016: la scuola d'Infanzia di Amatrice e Cittareale aprirà nei quattro giorni dalle 8:30 alle 13:30; porte aperte per la Primaria di Amatrice mercoledì 14 e venerdì 16 dalle 8:30 alle 13:30 e per quella di Cittareale martedì 13 e venerdì 16, sempre dalle 8:30 alle 13:30.

Diversa l'articolazione per la scuola secondaria di 1° grado che aprirà martedì 13 e venerdì 16 dalle 8:30 alle 13:30 e mercoledì 14 e giovedì 15 dalle 8:30 alle 16:30. Infine, la scuola secondaria di 2° grado aprirà martedì 13 e venerdì 16 dalle 8:30 alle 13:30.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori