Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Un Sindaco al femminile in un piccolo Comune: Mompeo

Silvana Forniti

Esce oggi il libro di Silvana Forniti, avvocato e ex sindaco di Mompeo

10/08/2020 10:17 

 

A Rieti presentato il libro di Cipolloni

Un momento della presentazione

«Un ritratto attento e sentimentale di un’epoca importante della storia locale»

29/07/2020 19:13 

 

A Rieti il libro 'Private, venti giornaliste nel tempo sospeso'

La presentazione a Passo Corese

La presentazione del libro, edito da Funambolo, sarà a Rieti sabato 25 luglio alle ore 18 al Polo culturale Santa Lucia

20/07/2020 18:41 

 
 

 
   

 

 

La controstoria di Giampaolo Pansa

 


 
 
virgolette

«L’Italiaccia senza pace» dedicato alla storia d’Italia più recente

     

di Lino Di Stefano
mercoledì 11 maggio 2016 - 10:11


Abbiamo letto quasi tutti i libri, editi da Rizzoli – e sono diversi, l’ultimo in ordine di tempo ‘L’Italiaccia senza pace’ (2015) - che Giampaolo Pansa ha dedicato alla storia d’Italia più recente ed ora ci accingiamo ad analizzare il primo, recentissimo, della serie, ‘Controstoria d’Italia’, appunto, che prevede 6 volumi. Il titolo preciso del primo tomo s’intitola ‘EIA EIA ALALA’, La nascita del fascismo’ (RCS, Milano, 2014, Edizione per il Giornale, Milano, 2016), e raggiunge quasi 370 fitte pagine, segno evidente dell’impegno del celebre giornalista e, diciamolo pure, dello storico di Casale Monferrato.

Il quale effettua due imprese: con la prima, fa storia partendo dalla cronaca locale della sua città di nascita, del suo territorio e delle regioni limitrofe al Piemonte, con la seconda parla per interposta persona con i nomi quasi sempre fittizi; operazioni, a nostro giudizio, entrambe riuscite anche se educati alla lezione del grande studioso reatino Renzo De Felice, nostro Maestro alla ‘Sapienza’ di Roma e nostro relatore in sede di laurea. I personaggi della cronistoria d’Italia in questione – che prende le mosse dagli inizi del Novecento per distendersi fino verso la conclusione del secondo conflitto mondiale, segnatamente con la persecuzione degli Ebrei – ha, però, un interprete principale nella persona di Edoardo Magni “nato – scrive testualmente l’Autore del libro in questione, “il 1° gennaio 1890, figlio unico di Ermete Magni, agricoltore”.

Ma, non un agricoltore qualsiasi bensì, è sempre Pansa che parla, un ricchissimo proprietario di “una tenuta nella pianura tra Casale Monferrato e Mortara, ossia sul confine tra il Piemonte e la Lombardia”. Tenuta denominata la ‘Garibaldina’ perché, a detta del padre di Edoardo, l’”aveva posseduta un ufficiale di Giuseppe Garibaldi , un pavese che aveva partecipato alla spedizione dei Mille in Sicilia”.

Edoardo è, dunque, un facoltoso possidente agrario che, dopo la partecipazione, da ufficiale, alla Grande guerra e dopo l’adesione al fascismo vive, ora, nella sua tenuta un po’ in disparte senza assilli di alcun genere. Naturalmente, egli segue le vicende a lui contemporanee - in particolare le lotte fra i rossi e i neri - e le sue scelte sono obbligate sia perché è un ex ufficiale dell’Esercito, sia perché come gli altri agrari e gli altri borghesi si accorge, della tempesta che incombe sulle loro teste, tra il 1919 e il 1920.

La tenuta della famiglia Magni si estende, inoltre, anche in una parte della Lomellina sicché è giocoforza difenderla specialmente dopo la vittoria dei socialisti alla fine del 1919. Pansa fa dire ad Edoardo che la Garibaldina, pur essendo vasta, non rientra, però, nel novero dei colossi dei più facoltosi agrari; ciononostante, si tratta sempre di una tenuta di media grandezza governata da un discreto numero di lavoranti e di salariati. Prova ne è che un altro personaggio, Rosa, dapprima accusa Edoardo di comportarsi alle stregua degli altri possidenti della zona e, dopo, gli dice testualmente: “Siete tutti uguali.

Quando c’è di mezzo l’interesse non vi distinguete l’uno dall’altro”. Incalzandolo ancora, Rosa lo apostrofa in tali termini: “Edoardo: se ci sarà una rivoluzione proletaria, gli avventizi saranno la truppa più scaldata. E vi daranno filo da torcere”. Sullo sfondo della cronistoria dell’Autore, si muove una miriade di interpreti, di ogni ceto sociale, e si alternano, altresì, eventi di valenza storica visto che la sconfitta dei cosiddetti ‘rossi’ porterà alla nascita e all’affermazione del fascismo.

Occorre, a questo punto, aggiungere che l’Autore snocciola dati oggettivi e di prima mano ragion per cui il lettore si rende effettivamente conto dello svolgimento dei fatti. Fatti cruenti, da una parte e dall’altra, che conferiscono la dimensione della gravità e della complessità di un periodo storico - la prima metà del XX secolo - quant’altro mai dilacerato sia per effetto del sanguinoso primo conflitto mondiale, sia per effetto delle conseguenze da quest’ultimo derivanti e le cui ripercussioni porteranno alla nascita del fascismo e allo scoppio della seconda guerra mondiale.

Ora è vero che i menzionati ‘rossi’, si abbandonano alle vessazioni più odiose, ma è altrettanto certo che pure i fascisti – ivi compresi i gerarchi più moderati – si macchiano di soprusi ingiustificati. E siccome la ricerca di Pansa è molto fondata, non ci sono dubbi sulla veridicità delle sue affermazioni che spesso e volentieri dànno i brividi; e ciò, non solo nel corso delle lotte fra i vari partiti e i vari movimenti politici, ma soprattutto durante le famigerate e inique leggi razziali.

All’occorrenza egli - così come per le altre vicissitudini aventi come protagonisti esponenti di spicco del regime al potere – fa nomi e cognomi nel contesto di circostanze inoppugnabili. Lo stesso Mussolini, nel periodo di maggior acutezza degli scontri, anche con esponenti del suo stesso partito - perché in dissenso, questi ultimi, con tante decisioni dall’alto - si macchia di più di qualche comportamento eterodosso con grande meraviglia del lettore che rimane sconcertato e sorpreso del cinismo del duce.

Emblematico, al riguardo, rimane il ‘caso Forni’ il quale, pur fascista della prima ora, viene, ad un certo punto, perseguitato perché contrario a tante vessazioni ed angherie messe in atto dal regime contro oppositori esterni ed interni Tornando ad Edoardo Magni, bisogna precisare che egli – pur nella sua generale neghittosità – rimane un personaggio umano nel senso che quando è necessario fa del bene ed è generoso sia con i lavoratori della sua tenuta, sia con gli ex commilitoni oppure con gli Ebrei, nel periodo peggiore, a Casale e non solo a Casale, della persecuzione antigiudaica. In merito, Pansa scrive pagine commoventi e tutte sorrette dai fatti; fatti che non fanno certamente onore a coloro i quali queste leggi emanano e mettono in pratica con estrema spregiudicatezza.

Non essendo possibile esaurire nell’ambito di una recensione la ricerca pansiana, torniamo un istante a Edoardo Magni; persona, abbiamo detto, senza infamia e senza lode – ed egli stesso ne è convinto – la quale salva sì due donne ebree, Esther e Marianna Levi, ma con l’aggiunta che tutte le altre che gli si concedono - l’ultima è proprio Marianna – lo fanno sia perché assunte nella tenuta, sia per soggezione, sia, infine, per sbarcare il lunario durante, in particolare, i momenti più tristi della guerra.

E, all’occorrenza, quest’uomo senza qualità, per dirla con Musil, approfitta delle situazioni – sono infatti le donne, per i motivi suddetti, segnatamente per necessità, a piegarsi alla potenza del danaro dato che ne ha tanto - ed anche il matrimonio, con la nascita della figlia Paola, è una necessità per non restare solo perché come dice la Bibbia, “Vae soli”. Alla fine, Marianna – amante di Edoardo per bisogno e per spirito di sopravvivenza – adotta una decisione che sconcerta anche lui . Lascia l’Italia, paese in cui le leggi razziali le hanno tolto la dignità, e si rifugia in Israele, l’”unico paese sicuro per noi ebrei”, così le fa dire l’Autore.

Un libro tutto da leggere e da meditare, in definitiva, questo di Pansa, un lavoro, aggiungiamo, che mette tutte le cose al loro posto tant’è vero che nessuno può sfuggire alla forza delle sue argomentazioni e all’oggettività dei fatti squadernati sul tappeto. Un libro, infine, che si legge tutto d’un fiato, come un romanzo, ad onta della crudezza e del realismo delle vicende narrate.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori