Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Commercio ad Amatrice: intervista ad un'attività e ad un libero professionista

Un centro Commerciale

I problemi del post sisma nell'intervista alla parrucchiera Biancamaria Classetti e al dr. Paolo Bizzoni Medico chirurgo-odontoiatra

05/03/2018 07:16 

 

Commercio ad Amatrice: la parola al presidente dell'Associazione Commercianti

© Il centro commerciale il Corso

Enrico Maria Marini traccia il bilancio di questi primi mesi ad Amatrice

18/02/2018 21:00 

 

Federico Rinaldi: determinati a vincere la «cerchia paludosa» e la «miopia» politica

Federico Rinaldi

Scienze dello Sport e dell’Alimentazione. Un master per lo sviluppo locale e per fare sistema

16/11/2017 09:27 

 
 

 
   

 

 

Intervista al sottosegretario Angelo Rughetti

 

Angelo Rughetti
Angelo Rughetti

 
 
virgolette

Il sottosegretario alla semplificazione e alla pubblica amministrazione, reatino e renziano di prima ora, risponde alle domande e rassicura: le riforme servono al futuro

     

di Rosella Vivio
giovedì 29 ottobre 2015 - 11:01


Angelo Rughetti, una lunga carriera politica e all'Anci, è uno dei sottosegretari impegnati nella realizzazione della riforma della pubblica amministrazione con il ministro Marianna Madia. Cinquantenne, tre figli, è orgogliosamente reatino. Renziano di prima ora e presente al convegno politico della Leopolda, creatura del primo ministro, è convintissimo che le riforme siano quanto serve al futuro del paese, anche se province come quella reatina ne stanno temendo gli effetti. L'intervista che segue spiega il perché. 

Lei è originario di Rieti. Ha mantenuto legami col territorio?

Certo, la mia famiglia vive li. Coltivo relazioni con gli amici di infanzia. Vorrei andarci più spesso ma non sempre è possibile.

La riforma delle province e quella del riordino della polizia con l’abolizione del Corpo Forestale stanno determinando tagli alle articolazioni dello Stato sul nostro territorio. Da noi il Corpo Forestale è sempre stato considerato un fiore all’occhiello. E l’accorpamento con Viterbo avrà conseguenze importanti sotto diversi profili: pratico ed economico-occupazionale. Cosa può dire per rassicurare i reatini?

Nell’affrontare la riorganizzazione delle pubbliche amministrazioni ci siamo posti un obiettivo prioritario: potenziare gli uffici che erogano prestazioni ai cittadini e alle imprese, razionalizzando le strutture destinati alle attività di carattere puramente strumentale e le catene di comando. Il filo conduttore di tutti gli interventi che stiamo realizzando con l’attuazione della legge delega di riforma della PA è quindi una rivisitazione organizzativa della PA che pone al centro il cittadino. E’ qui che vogliamo arrivare. Il riordino delle funzioni di polizia, di tutela dell'ambiente e del territorio e la conseguente riorganizzazione del Corpo forestale dello Stato è uno dei capitoli, certamente molto delicato, di questo tema. Fermo restando l’obiettivo, noi abbiamo preso un impegno molto preciso e chiaro, che è quello di salvaguardare in ogni caso gli attuali livelli di presidio dell'ambiente e del territorio così come garantire la salvaguardia delle professionalità del personale quotidianamente impegnato in queste attività. Insomma, non possiamo compromettere quanto di buono è stato fatto nei territori in questi anni ma siamo convinti che questo si possa fare anche accorpando le strutture.

Lei è sottosegretario alla Semplificazione con deleghe per l’Agenzia per l’Italia Digitale. Tra la riforma della PA e la digitalizzazione del Paese e il suo rilancio c’è un nesso strettissimo. La provincia sabina è ricca di aree interne per cui la digitalizzazione è fondamentale per fermarne l’abbandono. A che punto siete con la banda larga, il pin unico ed e-skill? E come si semplificherà la vita dei reatini una volta che Rieti sarà accorpata con Viterbo?

La digitalizzazione delle Pubblica Amministrazione e del sistema Paese complessivamente inteso è una delle chiavi dello sviluppo economico e anche sociale dei nostri territori. Se vedete le differenze di stipendio fra aziende digitali e aziende “classiche” o i fatturati vi rendete conto concretamente di cosa vuol dire. Noi ci siamo dati degli obiettivi ben precisi e misurabili, codificati nella “Strategia per la crescita digitale 2014-2020”; la cifra del nuovo approccio è l’individuazione di una serie di misure coordinate fra di loro e che vedono il coinvolgimento di diversi attori. E’ un percorso complesso che sta dando i suoi frutti: penso ad esempio allo SPID, il PIN unico, ossia lo strumento che permetterà a cittadini e imprese di accedere con un’unica identità digitale ai servizi online della PA e dei privati, strumento che proprio in questi mesi sta muovendo i suoi primi passi e già per dicembre dovremmo avere le prime amministrazioni pronte ad implementare il nuovo sistema. Io credo che questa sia una sfida importantissima soprattutto per i territori più periferici, per i quali lo sviluppo digitale può essere davvero uno strumento per arginare l’emarginazione e la desertificazione sociale.

Il territorio reatino sotto questo aspetto sta messo piuttosto male. Io stessa ogni giorno vivo la frustrazione della lentezza della rete.

Nella provincia di Rieti sono tanti i piccoli comuni che non hanno un accesso alla rete veloce. Questo determina una diseguaglianza con altri territori che va colmata altrimenti le imprese reatine e gli studenti delle nostre terre avranno meno possibilità rispetto ad altri. Le politiche messe in campo dal governo, i 7 miliardi della banda larga, servono a questo: ridurre le distanze fra territori, fra imprese e fra cittadini di serie A e d serie B.

L’abolizione delle province determinerà davvero una riduzione di spesa? Tempo fa l’onorevole Melilli, rappresentante del territorio reatino, ha scritto una “ storiella” su Fb dove raccontava di come, alla fine, “quanto più il potere si allontana dalla gente, tanto più rischia di perdere la sobrietà necessaria”. Il problema sono le Regioni. Il rischio è che si spenda di più.

Quando parliamo della trasformazione delle Province in enti di area vasta non parliamo solo di riduzione di costi materiali, che pure tale trasformazione porta con se; dietro all’eliminazione Province così come le abbiamo conosciute finora c’è un tema più ampio che attiene alla complessiva razionalizzazione delle modalità di svolgimento delle funzioni amministrative locali. Secondo il nuovo modello, sono gli stessi Comuni, in quanto enti direttamente rappresentativi, che danno vita ad istituzioni di secondo grado, le nuove Province, enti snelli di supporto operativo ai Comuni e a cui competono poche funzioni fondamentali che richiedono un governo sovra comunale. Con gli enti di area vasta, si rafforza dunque il “potere” inteso come autogoverno delle comunità locali. È una integrazione delle governance che porterà una integrazione delle politiche, delle scelte da fare. Saranno i sindaci che si occuperanno non più soltanto del loro confine ma di una comunità più ampia.

Lavoro complesso

Il percorso ovviamente è complesso ed è un lavoro di squadra. Le istituzioni devono imparare a remare tutte nella stessa direzione. L’obiettivo è dare servizi migliori non difendere le competenze assegnate dalla legge.

Quando l’avremo ospite a Rieti?

Andrò in Sabina a fare la raccolta delle olive e speriamo che questo anno vada meglio della stagione passata. Per me è un onore poter rappresentare in Parlamento e nel Governo le nostre radici. Ho detto dal primo giorno che sono un contadino delle istituzioni sempre pronto a fare la propria parte. Ho a cuore la comunità nella quale sono cresciuto e penso che il compito nostro, come diceva Aldo Moro, sia quello di capire i mutamenti sociali e studiare soluzioni che li sappiano interpretare senza guardare al passato ma con gli occhi, il cuore e la testa puntata verso il futuro.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori